Le strategie digitali del nuovo servizio di streaming e on demand Dazn per il lancio della nuova piattaforma in Italia

Sky, Mediaset Premium, Now TV, Dazn: il mercato televisivo e digitale si fa più ricco per la Serie A.

Dazn, di proprietà del gruppo britannico Perform, è stato fondato l’8 luglio del 2015 ed è presente in trenta paesi, tra cui appunto da poche settimane anche l’Italia.

Il gruppo Perform opera dal 2007 nel mercato dei media sportivi attraverso diverse piattaforme digitali, tra cui Goal.com, Opta Sports. Ieri (02/08/2018) si è tenuta la presentazione ufficiale del team con un Facebook Live.

In questo articolo andremo ad analizzare come funziona la piattaforma e quali sono le strategie digitali per il lancio di questo nuovo ecosistema.

Prima di iniziare vorrei un piccolo aiuto: ho riassunto a 360 gradi le strategie digitali per il lancio di Dazn in Italia. Metti un like qui sotto per cercare di diffondere il più possibile questo contenuto, grazie 👇.

Come funziona Dazn

Con Dazn (che si pronuncia “dazon“) sarà possibile vedere oltre cento partite di Serie A in esclusiva e tutta la Serie B.

Saranno disponibili anche la Liga spagnola, la Ligue 1 francese, la Coppa di Lega Inglese, la Coppa d’Africa, la Copa Libertadores, la Pdc Darts (il campionato mondiale di freccette), la Major League Baseball e la Major League e la National Hockey League.

Come abbonarsi a Dazn? Dalla semplice homepage del sito sarà possibile sottoscrivere un abbonamento Dazn al prezzo di 9,99€ al mese e con la possibilità di avere un primo mese di prova gratuita. Inoltre sarà possibile disdire l’abbonamento in qualsiasi momento.

Date queste caratteristiche possiamo definire Dazn come il Netflix dello sport.

Fatta questa iniziale illustrazione su quelli che saranno per ora i contenuti offerti da Dazn, ora ti illustrerò le strategie di penetrazione del mercato di Dazn.

Le strategia di lancio di Dazn

Andando sul sito di Dazn si approda su una landing page, in cui è possibile notare l’assenza di un menù navigabile. Vi è infatti una headline di benvenuto supportata da un copy che descrive come funzioni la piattaforma. Il tutto è impostato per far compiere un’unica azione al visitatore, evitando di fatto distrazioni per quest’ultimo.

Per ora infatti è possibile solamente inserire il proprio indirizzo email per ricevere i prossimi aggiornamenti sullo sviluppo della piattaforma.

Dazn è presente su tre canali social: Facebook, Instagram e Twitter.

La pagina Facebook Italia conta poco più di 27 mila seguaci, a dispetto di quella generale in cui vengono convogliati tutti i seguaci che ne conta circa 51o mila.

Su Instagram infatti troviamo molti meno followers: è stata infatti costituita una pagina apposita che conta 15 mila seguaci, mentre su Twitter si attestano a circa 10 mila.

Si tratta di numeri ancora non molto elevati, ma ciò è dovuto principalmente al fatto che Dazn non ha avviato la sua attività di streaming.

Le iniziative social di Dazn

Per il lancio in Italia, Dazn sta utilizzando grafiche molto accattivanti ed innovative, lontane dai canoni classici della tv. Questo perchè Dazn si propone come il primo servizio digitale del genere nel mondo dello sport.

Dazn ha portato queste logiche digitali anche in tv, come nello spot che puoi vedere di seguito.

Come hai potuto vedere dal video, ci sono due testimonial d’eccellenza: Diletta Leotta e Paolo Maldini. Più che dei semplici testimonial, possiamo definirli però degli influencer a tutti gli effetti. La prima conta infatti 2,7 milioni di seguaci su Instagram, mentre il secondo 1,5 milioni.

Al di là di queste considerazioni sui follower, che comunque hanno il loro peso specifico, i volti della Leotta e di Maldini rappresentano un importante biglietto da visita che permettono di offrire a Dazn maggiore visibilità e fiducia.

Diletta Leotta è stata infatti negli utlimi anni la madrina della Serie B su Sky, mentre Maldini per il proprio passato calcistico non necessita di presentazioni.

Entrambi sono stati annunciati con delle presentazioni nel pieno stile degli annunci social dei calciatori.

La social media strategy di Dazn si preannuncia quindi in linea con gli attuali standard presenti nel mondo sportivo.

Per seguire infatti lo svolgimento dei nuovi calendari della Serie A, è stata lanciata una diretta su Facebook in compagnia dei ragazzi di Calciatori Brutti, che ha totalizzato più di 170 mila visualizzazioni.

Il lancio della piattaforma di Perform passa anche attraverso contenuti che sappiano ovviamente intrattenere i tifosi, puntando sulla nostalgia di quest’ultimi come nel post qui di sotto.

La Bobo Summer Cup

Probabilmente il fiore all’occhiello di questa campagna di lancio è rappresentato dal fatto che la stessa Dazn sia uno sponsor della competizione estiva di Bobo Vieri: la Bobo Summer Cup appunto.

Dazn sta infatti sponsorizzando la competizione nel mondo offline, ma raccontando il tutto attraverso i propri social.

Risulta evidente come un personaggio noto sui social come Vieri (1,7 milioni di follower su Instagram) possa dare ampio risalto a questa nuova piattaforma.

Dazn sta principalmente utilazzando le storie di Instagram per mostrare questo evento. Una scelta che si sposa con l’immediatezza in termini di fruibilità che tale strumento è in grado di offrire, specialmente in queste occasioni.

Non si registrano per ora attività su IGTV, il che potrebbe essere sfruttato molto da Dazn data la mole di contenuti che potenzialmente è in grado di produrre nel mondo del calcio.

Ma proprio per questo non fatico a credere uno sbarco anche su tale canale, soprattutto per il fatto che IGTV non sia stata ancora utilizzato al meglio dai competitor.

A post shared by DAZN Italia (@dazn_it) on

Per concludere sulla Bobo Summer Cup, come avrai potuto notare dal video, vi sono molti altre ex glorie del calcio italiano  come Toni, Delvecchio, Crespo e tanti altri che partecipano alla competizione e indossano abbigliamento brandizzato Dazn.

Un triennio di prova per Dazn

Il mercato italiano sarà un’importante banco di prova per questa nuova piattaforma, soprattuto per il fatto che dovrà confrontarsi con un pubblico ancorato a logiche molto tradizionali per quanto riguarda il calcio.

Tre sole parite di Serie A a turno potrebbero sembrare poco nel contensto attuale, ma a mio avviso si sta avviando una rivoluzione nel panorama italiano. A completare il pacchetto vi è sicuramente la Serie B e tanti altri sport già citati.

Come vedere Dazn? Sarà possibile vedere eventi sportivi live e on demand, in HD e su tutti i dispositivi preferiti. Inoltre, grazie all’accordo Sky Dazn sarà possibile un’integrazione con Sky Q.

Il futuro dei contenuti è in streaming: Amazon trasmetterà alcune partite di Premier League, Youtube e Twitter stanno acquistando i diritti per la trasmissione di sport nazionali negli Usa.

Non stento a credere che questo nuovo Netflix dello sport, studiando e apprendendo il più possibile durante il prossimo triennio sportivo il mercato, possa dire la sua dal 2021 in poi mirando ad una maggiore forza competitiva.

PS: se ti è piaciuto l’articolo clicca mi piace e non scordarti di seguirci sui nostri canali social 👇.

Seguici su:
Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.