Sono una società dilettantistica e voglio investire nell’intelligenza artificiale – 2° parte

Sono una società dilettantistica e voglio investire nell’intelligenza artificiale – 2° parte

[⏱️ Tempo di lettura: 7 minuti]

Nel precedente articolo abbiamo discusso sulla possibilità, per le società dilettantistiche, di poter investire in sistemi di intelligenza artificiale. In particolare abbiamo studiato alcuni possibili strumenti per migliorare il fan engagement di questi club.

Il secondo punto su cui le società dilettantistiche possono puntare è il miglioramento delle performance. Grazie all’Intelligenza Artificiale è possibile costruire sistemi in grado di monitorare le performance degli atleti sia durante gli allenamenti che durante la gara.

Ovviamente, rispetto alle soluzioni di Fan Engagement i costi per questo tipo di strumenti sono decisamente più elevati, in quanto molto spesso richiedono installazioni di macchine o l’utilizzo di droni. Però i vantaggi che ne derivano possono portare anche ad una riduzione dei costi o ad un miglioramento delle prestazioni tale da riuscire a far crescere tutta la squadra e puntare al professionismo.

Crowdfunding

Questo è possibile, ad esempio, attraverso il crowdfunding. Di cui abbiamo parlato in questo articolo. In particolare: “Il crowdfunding rappresenta una soluzione di finanziamento alternativa. Si tratta in pratica di un processo con cui più persone (“folla” o crowd) conferiscono somme di denaro (funding), anche di modesta entità, per finanziare un progetto imprenditoriale o iniziative di diverso genere utilizzando siti Internet (“piattaforme” o “portali”) e ricevendo talvolta in cambio una ricompensa”. Attraverso questa modalità, spingendo sul senso di appartenenza ad una comunità locale, le società dilettantistiche possono ottenere fondi necessari allo sviluppo di un progetto, nel nostro caso un progetto di Intelligenza Artificiale. Anche in questo caso esistono delle piattaforme tramite le quali gestire la propria campagna di crowdfunding. Un esempio è Triboom, una piattaforma di Padova grazie a cui è possibile realizzare campagne di crowdfunding con la partecipazione attiva dei tifosi. Infatti, dopo aver creato sulla piattaforma l’iniziativa, si attiva un sistema di gamification dove i tifosi, se coinvolti a dovere, saranno spinti a partecipare. Per gamification si intende: “l’utilizzo di dinamiche proprie del gioco (p.e. punti, livelli, premi) in contesti non ludici, per sollecitare impegno e competitività, per stimolare la ricerca di soluzione a un problema ecc”.

In questo caso, la società dovrà fornire una sorta di premio a chi vorrà partecipare a questa iniziativa, come ad esempio biglietti per la partita, maglia da gioco, assistere ad un allenamento e così via, il tutto rapportato al capitale che il tifoso investe nel progetto.

Inoltre, sulla piattaforma è possibile avere una sorta di community, dove vengono evidenziati i boomers (chi ha partecipato al progetto), classificandoli partendo da di chi ha donato di più. Questo risulta essere un ottimo modo anche per la società dilettantistica per conoscere meglio la propria comunità e per creare con loro uno stretto legame per poter avviare in futuro nuovi progetti.

Analisi del campo da gioco

Anche, e forse soprattutto, nel miglioramento delle performance è utile da parte della società legarsi al già citato mondo delle startup e delle università. Sono più del 26% le startup che si occupano del miglioramento delle performance, fornendo alle società, e non solo, strumenti altamente tecnologici che, attraverso lo sfruttamento dell’Intelligenza Artificiale e dei Big Data, riescono a fornire analisi dettagliate in grado di migliorare le prestazioni degli atleti e quindi della squadra.

Prima di uno strumento in grado di analizzare le prestazioni di un atleta, è utile a mio avviso un sistema di Intelligenza Artificiale che riesca a effettuare un’analisi del manto erboso del campo di allenamento e dello stadio. Infatti, un manto erboso in buone condizioni, oltre che ridurre i costi di manutenzione, va ad incidere anche sul numero degli infortuni e quindi in minima parte anche al miglioramento delle performance. I costi per la manutenzione di un manto erboso sono di circa 25.000 euro annuali. Questi molto spesso, a causa degli eccessivi costi, vengono rimandati e creano condizioni di gioco molto difficili. Attraverso un sistema come quello proposto dalla startup Wesii, si potrà ottenere un’analisi accurata del campo. Tutto ciò che si necessita per questa analisi è un drone ed un sensore. Il sensore sarà formato da una telecamera multispettrale e una telecamera termica radiometrica: la prima sarà in grado di osservare in maniera precisa lo stato del campo attraverso l’acquisizione di energia riflessa dalla superficie, mentre la seconda invece riuscirà a misurare la temperatura di ogni punto dell’immagine; incrociando questi due risultati, si riesce ad ottenere una precisa analisi sullo stato del campo, in cui è possibile intervenire subito laddove si ritiene necessario, riuscendo nel lungo periodo a diminuire i costi di manutenzione. I costi sono di circa 6.000/7.000 euro, così divisi:

  • Circa 4.000 euro per il drone;
  • 2.000 o 3.000 euro per i due sensori.
Esempio visuale drone Wesii

Nella Figura 48, possiamo vedere le immagini che riuscirà a catturare il drone attraverso l’unione delle riprese dei due sensori di cui abbiamo parlato sopra. Così come nell’immagine, le zone di colore marrone sono quelle su cui è richiesto un intervento, ovvero quelle più danneggiate. Ovviamente, il danneggiamento oltre che dal colore dipenderà dall’intensità dello stesso, quindi le zone più scure sono quelle più critiche. Il danneggiamento verrà valutato secondo diversi fattori:

  1. Temperatura della superficie;
  2. Intensità del colore;
  3. Qualità del manto;
  4. Stress del campo causa siccità;
  5. Eventuale presenza di parassiti;
  6. Umidità del suolo.

Incrociando quindi tutti questi dati con le immagini ottenute dal drone, si riesce a fornire una dettagliata analisi del manto erboso, riuscendo ad individuare, come si vede nella Figura, le zone critiche su cui intervenire.

Miglioramento delle prestazioni durante gli allenamenti

Math&Sports

Per quanto riguarda il miglioramento delle performance, anche qui ci sono delle opportunità interessanti per le società dilettantistiche, ad esempio attraverso i sistemi di Intelligenza Artificiale offerti dalla startup Math & Sports. Questa realtà milanese offre al mondo del calcio due servizi molto utili per poter migliorare le prestazioni degli atleti durante gli allenamenti. In particolare, questi due servizi sono:

  • MOViDA (Movement’s Optimization, through Video and Data Analysis);
  • Smart Data Platform.

Il primo servizio, MOViDA, è uno strumento utile per l’allenamento dei portieri, riuscendo a tracciare il loro movimento e migliorare i tempi di reazione e i tuffi del portiere.

MOViDA analisi portieri

MOViDA è una piattaforma multi-sport che utilizza avanzati algoritmi per estrarre dati, misure e traiettorie dalle riprese di fotocamere, configurate per registrare movimenti specifici. Grazie alla piattaforma, abbiamo la possibilità di analizzare tempi di reazione, angoli ottimali di spinta, capacità di ripetizione di alcuni movimenti, asimmetrie ed efficienza nei gesti”. L’obiettivo di uno strumento di questo tipo è quello di riuscire a minimizzare i possibili errori del portiere durante le sue uscite. Con questo sistema, utilizzando Intelligenza Artificiale da un lato e Big Data dall’altro, è possibile migliorare le performance del portiere. Inoltre, una macchina come MOViDA potrebbe essere utile a quelle società dilettantistiche che non hanno nel proprio staff un preparatore dei portieri che possa aiutare la crescita degli atleti o che comunque non ha le capacità per mettere in luce, in maniera dettagliata, quali sono stati gli errori commessi dal giocatore.

La seconda offerta che presenta Math & Sports per il calcio è, come detto precedentemente, lo Smart Data Platform. Grazie a questo strumento, è possibile accedere a informazioni molto importanti riguardo la partita in questione, che possono riuscire a migliorare le strategie di squadra. Smart Data Platform si basa su un sofisticato algoritmo che, anche attraverso calcoli matematici, riesce a fornire informazioni che vanno oltre le semplici statistiche di gioco. “Math&Sport sta mettendo in atto una vera e propria rivoluzione nel calcio: il fatto di passare dalla semplice descrizione della partita con statistiche di eventi sui portatori di palla a un’attenta analisi di parametri per interpretare le cause da cui è stata generata una specifica azione”. Per quanto riguarda il livello dei costi, in questo caso risulta complicato fare una stima, in quanto esistono molte configurazioni che il cliente può scegliere. Tutte queste possibili alternative vanno ad incidere molto sul prezzo finale, non riuscendo quindi a stabilire una fascia di prezzo.

Eyes VisiON

Durante gli allenamenti, invece, un’opportunità utile per le società dilettantistiche potrebbe essere quella di installare nel campo di allenamento dei sistemi che rilevano immagini che vengono elaborate, attraverso sistemi di machine learning e computer vision, in tempo reale, fornendo informazioni utili riguardo diverse metriche che possono essere analizzate per migliorare i movimenti dei giocatori. Un esempio di quanto detto viene offerto dalla startup Eyes VisiON, che ha sviluppato sistemi che però sono applicati al mondo del tennis, ma che potrebbero applicarsi anche nel calcio, installando questi dispositivi altamente tecnologici.

Costo Eyes VisiON

Questi impianti possono anche essere acquistati, con un prezzo che va dagli 8.000 euro ai 10.000 euro in base alle configurazioni richieste. Questi strumenti, inoltre, sono facili da installare e da utilizzare, non richiedendo quindi il supporto di una risorsa specializzata che si occupi della gestione di questi macchinari. Inoltre, attraverso le forme di noleggio, normalmente, sono previste anche soluzioni di assistenza comprese nel costo del noleggio operativo.

Spaceexe

Sempre a livello di allenamento, troviamo l’offerta della startup Spaceexe. Questa, attraverso la tecnologia GNSS (Global Navigation Satellite System), riesce a fornire ed analizzare in tempo reale posizione e movimenti di un singolo atleta, la squadra intera o anche di un singolo reparto, in modo da migliorare le prestazioni sia fisiche che tattiche. Il tutto attraverso un piccolo strumento, che possiede un GPS, posizionato sui parastinchi, che riesce a rilevare la posizione dei giocatori in campo in un raggio di 50 cm. Ovviamente, il sistema è stato creato in modo da essere il minor invasivo possibile, in modo da non danneggiare il rendimento dei giocatori in campo.

Funzionamento tecnologia Spaceexe

Nella Figura possiamo vedere il percorso per arrivare ad ottenere i dati. Tutto questo grazie all’installazione di un semplice dispositivo (GNSS). Questo strumento, a differenza di quello offerto da Eyes VisiON di cui ho parlato in precedenza, non richiede nessuna installazione di dispositivi o telecamere sul campo, ma solo di questo dispositivo a cui è legato un software, sul quale verranno trasmessi i dati. È molto interessante questo sistema, in quanto è possibile scegliere i giocatori sui quali ottenere dei dati e riuscire quindi ad allenare in maniera efficace un reparto alla volta.

Ovviamente, per livello di complessità, di funzionalità e di dati forniti, i sistemi di Spaceexe risultano essere più dettagliati e corposi. In questo modo, l’allenatore avrà a disposizione milioni di dati su cui poter lavorare per migliorare il rendimento della propria squadra. Per quanto riguarda invece Eyes VisiON, nonostante nasca per il tennis, potrebbe fornire comunque dei dati interessati, rispetto ai km percorsi, alla velocità, ai movimenti del pallone e altro, però non ad un livello come l’offerta descritta in precedenza. L’analisi dell’attività di allenamento di un singolo atleta potrebbe essere anche utile per monitorare il verificarsi di un possibile infortunio.

Stima dei costi

Elaborazione personale

Il costo per quanto riguarda il sistema di monitoraggio durante gli allenamenti potrebbe subire una variazione, in quanto potrebbe essere direttamente acquistato dalle società e quindi il totale dei costi sarà maggiore per il primo anno, ma dal secondo anno in poi la società dovrà pagare solo la licenza annuale di € 50 al mese. Per i prezzi, ho utilizzato il listino prezzi che si trova sul sito della startup Eyes VisiON. Per quanto riguarda invece il controllo del manto erboso, il dettaglio dei prezzi è stato specificato in precedenza, ma a questi costi potrebbe doversi aggiungere un corso riconosciuto per pilotare il drone. Il costo di questo corso parte dai € 300, ma dipende dalle dimensioni del drone e dal brevetto che si otterrà. E per il costo di questo sistema ho utilizzato i prezzi offerti dalla startupWesii. Infine, è utile ricordare come i costi in riferimento al sistema di controllo del manto erboso non possono essere considerati annuali, in quanto l’investimento richiede l’acquisto del drone più le altre componenti utili all’analisi. Per quanto riguarda gli altri strumenti di cui ho parlato in questo paragrafo, ritengo difficile fare una stima dei costi, in quanto dipendono in maniera assoluta dalle configurazioni scelte dalle società.

Non perderti le novità!

Iscriviti alla nostra newsletter ed entra a far parte della community di Sport Marketing

Invalid email address

Ti è piaciuto questo articolo?

Voto Medio 5 / 5. Numero di voti 3