E’ da qualche settimana che sono online delle ads che mostrano la collaborazione tra Messi e Poste Italiane per andare a pubblicizzare la Carta Prepagata: la Postepay Evolution.

Spinti dalla curiosità siamo andati ad analizzare per te questa partnership.

Pronto? Prima ti chiedo solo un “Mi piace” per poter aiutare la diffusione di questo contenuto 👇

Facebook

Fino a questo momento sono state lanciate tre ads, ed analizzando i tracciamenti dei link di atterraggio delle tre inserzioni è possibile ottenere delle preziose informazioni.

Come ottenere preziose informazioni dai tracciamenti dei link

Ad esempio possiamo vedere come due inserzioni siano state realizzate su un pubblico definito “lookalike“.

Con questo termine si intende una tipologia di target che è possibile intercettare in base alla percentuale di somiglianza con un determinato pubblico preselezionato.

La terza inserzione invece, è stata realizzata per effettuare una campagna di retargeting. Con questa tipologia di inserzione andiamo a colpire tutti coloro che hanno manifestato un interesse nei confronti del prodotto in questione.

Messi Postepay
Fonte: profilo Facebook Postepay

L’interesse può essere misurato in relazione a determinate interazioni: click sull’ads, visite sul sito (tracciabili mediante il Pixel di Facebook), permanenza sul sito, etc.

Le diverse tipoligie di ads appena descritte rispondono a diverse step del funnel. Quelle che vanno a colpire un target “lookalike” mirano ad intercettare quelle persone simili che hanno già manifestato interesse. Si vuole acquisire visibilità quindi.

Quelle di retargeting invece mirano allo step della conversione.

Queste evidenze è possibile riscontrarle infatti nelle due tipologie di copy utilizzati:

Facebook Messi Postepay

Messi Postepay Facebook

Il primo (riferito al “lookalike”) tende più a far scoprire il prodotto, mentre il secondo (retargeting) mostra un chiaro ed evidente invito all’azione (“Richiedila in Ufficio Postale“).

L’account Instagram

L’account Instagram Postepay è attivo da 10 aprile 2015 (fino al 23 ottobre del 2018 con il nome “postepaysound”). Ad ora il profilo non contiene nessun post e ha 3.368 follower.

Il profilo è attivo però dal puto di vista delle inserzioni: sono attivi infatti ad ora (06/06/19) due post in feed (in “dark”, cioè non visibili nel feed organico) con la stessa creatività.

I due post differiscono però a livello di copy: le differenze possono essere dovuti a degli A/B test. La conseguenza logica è che sia un test effettuato su una diversa tipologia di target.

Purtroppo ad ora, su Instagram non è possibile scendere nel dettaglio come con Facebook a causa delle informazioni limitate che il social offre, pertanto è possibile fare solo delle ipotesi.

YouTube

Il 29 maggio 2019 è stato pubblicato il seguente spot su YouTube della lughezza di 17 secondi:

Il video ha ottenuto 1,5 milioni di visualizzazioni e mostra Lionel Messi in situazioni comuni di utilizzo di una carta prepagata:

  • in negozio
  • online

illustrando i benefici della carta stessa in pochi secondi.

Il video mostra numeri importanti poco dopo l’uscita dello stesso. Si può ipotizzare in questo caso che sia stato spinto da del media a pagamento o semplicemente, essendo stato integrato nella landing page del sito, il video ha beneficiato di tale posizionameto.

Alcune considerazioni

La scelta da parte di Poste Italiane di scegliere un testimonial come Messi è molto forte ed audace allo stesso tempo.

Comporta sicuramente un enorme investimeto per poter contare sulla collaborazione del campione argentino.

Allo stesso tempo rappresenta la volontà di associarsi ad un personaggio con un forte personal brand come quello di Messi per riuscire a pubblicizzare al meglio il proprio prodotto.

E tu cosa ne pensi di questa iniziativa?

Seguici su:
Condividi:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.